Primarie PD, confronto finale Bersani Renzi: chi ha vinto? [VIDEO]

Primarie PD, confronto finale Bersani Renzi: chi ha vinto? [VIDEO]
da in News, Politica
    Primarie PD, confronto finale Bersani Renzi: chi ha vinto? [VIDEO]

    Ieri sera 28 novembre 2012 è andato in onda l’atto finale della sfida per le primarie PD. I due contendenti, Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, si sono sfidati in un confronto serrato in vista del ballottaggio che deciderà il prossimo leader del partito di sinistra alle elezioni. Nell’arena della Rai i due hanno messo in scena un dibattito acceso sui temi più importanti, dalle pensioni ai costi della politica, dalla questione mediorientale alla pressione fiscale. E’ stato un confronto decisivo? Ma soprattutto, chi ha vinto?

    La vera battaglia tra i due vincitori del primo turno delle primarie PD si combatterà sul filo del rasoio, domenica prossima, per la conquista della fiducia degli elettori che avevano votato Nichi Vendola e sono rimasti scottati dalla sua clamorosa (ma prevedibile) debacle. I sondaggi realizzati subito dopo la fine della trasmissione hanno dimostrato che, in realtà, il dibattito non ha spostato poi molto anche se allo stato attuale Matteo Renzi pare il vero favorito di queste primarie spettacolo.

    Anche gli opinionisti sono concordi nell’affermare che, dal punto di vista della comunicativa e della capacità di sfruttare lo strumento televisivo, Matteo Renzi ha stravinto mettendo in evidenza le carenze di Pierluigi Bersani, politico vecchio stile poco abituato ai moderni confronti televisivi all’americana. Impacciato nella forma, Bersani è apparso però più sicuro nell’esposizione dei contenuti. Il vero merito di Bersani, però, è quello di essere rassicurante anche per le frange più tradizionaliste (centriste, diremmo) del PD.

    Il problema, semmai, è che gli elettori di Vendola non sono certo i più tradizionalisti e, se il vecchio leader dovesse fare affidamento solo sui pochi voti racimolati dalla Puppato e da Tabacci, la sconfitta sarebbe inevitabile.

    D’altra parte Matteo Renzi non ha perso occasione per colpire l’avversario nel suo punto più debole: “Tu sei stato al Governo 2.547 giorni, forse dobbiamo porci il problema anche di quello che non abbiamo fatto“. Questo è lo stato dei fatti: piaccia o no, Renzi rappresenta il nuovo mentre Bersani è emblema della vecchia politica.

    La differenza tra i due è apparsa evidente anche sul tema alleanze (con Renzi che chiude sia a UDC che a Sinistra Ecologia e Libertà) sia negli appelli finali. Renzi ricorda che “il vero rischio è non cambiare“, mentre Bersani fa ancora appello a uno slogan abusato “l’Italia dalla parte di chi ha più bisogno“. La corsa alla leadership è ancora aperta, per ora rivivete il confronto finale su Rai1 e fateci sapere nel sondaggio cosa ne pensate.


    511

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsPolitica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI