NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Owling, nuova moda dopo il planking: foto e video

Owling, nuova moda dopo il planking: foto e video
da in News, Notizie Curiose

    Con l’avvento della cultura dei social network stare dietro alle nuove mode appare sempre più come un’impresa impossibile, a meno di stare incollati al computer 24 ore su 24. Non facciamo in tempo ad abituarci alla nuova travata folle, che subito questa viene sostituita da una se possibile anche peggiore.

    Questo discorso si applica alla perfezione alle mode che riguardano attività più o meno pericolose da condividere poi attraverso video e foto online. Qualche settimana fa avevamo parlato del planking, che consiste nel farsi fotografare mentre si sta letteralmente a pancia in giù nei luoghi più improbabili. Bene, oggi anche il planking è superato.

    O meglio, è nata una nuova scuola di pensiero che si è auto-denominata Owling: sempre di farsi fotografare in posizioni assurde si tratta, ma questa volta invece che stare stesi bisogna assumere la posa tipica del gufo (owl in inglese). L’effetto, ancora più che per il planking, è tutto da ridere.

    In effetti però il sorriso passa immediatamente quando si pensa che alcune persone sono rimaste gravemente ferite o addirittura sono morte durante il planking, prese probabilmente dalla smania di eseguire l’acrobazia più spericolata di tutte e ricevere così il plauso degli utenti della rete.

    Anche per l’owling sono nati dei gruppi e dei siti che riuniscono tutti gli appassionati e i loro scatti migliori, e pare proprio che debba essere questa la vera tendenza dei veri patiti dei social network. E’ proprio vero che ormai Facebook condiziona l’esistenza di milioni di persone in tutto il mondo, e non proprio nelle modalità che pensavano gli apocalittici della prima ora.

    In fondo per partecipare al grande gioco dell’owling bastano pochi passaggi che tutti sono in grado di compiere: entrare nella community, trovare un luogo strano e possibilmente impervio per il proprio scatto, starsene lì in posizione davanti alle facce incredule dei passanti, scattare la foto e naturalmente condividerla in rete.

    Nuovo fenomeno di condivisione delle proprie passioni o semplice sintomo che la gente non ha niente di meglio da fare? La risposta la lasciamo a voi. L’effetto come detto spesso fa ridere, sempre che anche stavolta non ci scappi il morto.

    381

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsNotizie Curiose
    PIÙ POPOLARI