Nicole Minetti ripudiata dal Pdl: “E’ come Cicciolina”

Nicole Minetti ripudiata dal Pdl: “E’ come Cicciolina”
da in News, Politica, Nicole Minetti
Ultimo aggiornamento:
    Nicole Minetti ripudiata dal Pdl: “E’ come Cicciolina”

    Nicole Minetti fin dai suoi esordi in politica non ha mai avuto vita facile. Etichettata subito come “l’igienista dentale di Silvio Berlusconi”, questo prodigio della politica ha dovuto combattere con le malelingue fin dal suo insediamento al Consiglio Regionale della Lombardia. Il suo coinvolgimento sempre più pesante nella faccenda Ruby e nello scandalo dei festini bunga bunga ha peggiorato la situazione, portando molti colleghi del Pdl a scaricarla. E c’è anche chi la paragona alla nota star del cinema hard Cicciolina.

    Questo paragone si trasforma in sottile metafora, visto anche il breve esperimento di Ilona Staller in politica: il bunga bunga diventa quindi il corrispettivo del set dei film a luci rosse, e in effetti a leggere le intercettazioni sui festini ad Arcore persino il mondo dell’hard impallidisce. Il Pdl, nato come partito personale dell’ex premier, cerca oggi con fatica di staccarsi dall’immagine ormai compromessa di Berlusconi, ed ecco perché il coordinatore regionale Mario Mantovani, intervisto a La Zanzara su Radio 24, propone con decisione il paragona Minetti – Cicciolina:

    “L’Italia ha messo in parlamento anche Cicciolina. E Nicole Minetti può avere quel tipo di elettorato lì, che si riconosce in quello stile, nel suo modo di lavorare. Rappresenta un tipo di elettore che guarda all’estetica. D’altra parte Cicciolina si è presentata a Monza dunque chiunque può presentarsi per cercare i voti. Nel futuro anche la Minetti dovrà prendersi i voti, se vorrà. Credo che i suoi elettori non siano il mio genere, ma il Pdl è un partito di ampie vedute”. Anche Silvio Berlusconi è sempre stato di ampie vedute, ecco spiegato il proliferare di belle donne senza esperienza nel suo partito. Alla fine comunque Mantovani difende la collega e ne loda le qualità.

    Qualità che devono essere sfuggite a Vittorio Pesato, consigliere regionale del Pdl in Lombardia, che attacca senza mezzi termini: “La differenza sostanziale tra l’elezione della Minetti e di Cicciolina è la preferenza.

    La prima è stata nominata la seconda è stata candidata con l’approvazione del direttivo di un partito e successivamente votata con il meccanismo delle preferenze. Se fossi nei panni del consigliere Minetti valuterei l’opportunità di dimettermi per poi candidarmi a preferenza. La discussione sulla opportunità o meno di candidare la mia collega Minetti in consiglio regionale da parte di alcuni esponenti del Pdl, in particolare l’onorevole Guido Crosetto, stimola a fare alcune riflessioni. Sul caso Minetti si apre in maniera preponderante il tema della legittimità elettorale e della rappresentatività”.

    Insomma, sembra davvero non piacere a nessuno la povera Nicole Minetti, che comunque trova un suo spazio sulle pagine del gossip grazie al suo abbigliamento e alle varie sortite in bikini in spiaggia. A pensarci bene, qualcuno nel recente passato ha davvero apprezzato le doti dell’igienista dentale. Vero Silvio?

    485

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsPoliticaNicole Minetti
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI