Luigi Di Maio: dalla laurea alla fidanzata passando per la politica

C'è grande curiosità attorno alla figura di Luigi Di Maio, soprattutto per via delle sue numerose gaffe che suscitano sempre l'ilarità della rete. Chi è Luigi Di Maio? È laureato? È fidanzato? Quanto è alto? Queste sono solo alcune delle domande sul vicepresidente della Camera a cui cercheremo di dare una risposta.

da , il

    Luigi Di Maio: dalla laurea alla fidanzata passando per la politica

    Luigi Di Maio è tornato alla ribalta negli ultimi giorni e non solo per questioni relative alla politica nazionale. L’attuale vicepresidente della Camera dei deputati, ospite di Bruno Vespa a ‘Porta a Porta’, si è lasciato andare a una dichiarazione che ha suscitato ilarità su Twitter: ‘Nel Movimento 5 Stelle c’è chi si rifà ai valori portati avanti da Berlinguer, chi a quelli di Almirante, chi a quelli della DC’. La curiosità attorno al più giovane vicepresidente della Camera che l’Italia abbia mai avuto cresce ogni giorno, anche per questi motivi.

    Chi è Luigi Di Maio? È laureato? È fidanzato? Sono solo alcune delle domande che lo riguardano. La curiosità più ‘ricercata’ su internet – ad esempio e chissà perché – riguarda la sua altezza (Di Maio è alto 170 cm). Nato ad Avellino il 6 luglio 1986, Luigi è il maggiore di tre fratelli. La sorella Rosalba Di Maio ha un anno meno di lui e fa l’architetto, mentre il fratello minore, Peppe, ha solo 18 anni e studia. La madre, Paola Esposito, è un’insegnante di italiano e latino (e si metterà le mani nei capelli ogni volta che il figlio sbaglia un congiuntivo!, ndr) mentre il padre Antonio è stato dirigente del Movimento Sociale Italiano prima e di Alleanza Nazionale poi.

    Leggi anche: Politici senza laurea, la lista degli italiani

    Luigi di Maio e la laurea mai conseguita

    Una delle domande che ricorrono più spesso è: quale è il titolo di studio di Luigi Di Maio? Il vicepresidente della Camera dei deputati non si è ancora laureato. Dopo un diploma al liceo classico, si iscrive alla Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, per poi cambiare percorso universitario iscrivendosi, sempre presso la stessa università, alla Facoltà di Giurisprudenza.

    Spesso si ironizza sul fatto che Di Maio non sia ancora laureato, ma lui recentemente – in occasione della presentazione della sua biografia non autorizzata – ha dichiarato: ‘Non ho ancora conseguito la laurea perché sono diventato vicepresidente alla Camera a 26 anni, e mai avrei approfittato del mio ruolo per andare a fare gli esami’.

    Ai numerosi giornalisti che gli chiedono se terminerà gli studi, Di Maio dichiara sempre che si concentrerà sugli studi una volta che avrà portato a termine i due mandati previsti, per far poi posto nella politica alle giovani leve. Insomma, la laurea è ancora tra i suoi progetti.

    Luigi di Maio è fidanzato o no?

    2 giugno: concerto e ricevimento festa Repubblica al Quirinale
    Luigi Di Maio con la fidanzata Silvia Virgulti / Ansa

    Luigi Di Maio è fidanzato? La risposta è sì e la ‘fortunata’ si chiama Silvia Virgulti. Bella quarantenne di Cremona, condivide con lui la passione per la politica. La Virgulti, infatti, lavora come responsabile comunicazione di M5S al Senato. A ‘dividere’ Di Maio e la Virgulti ci sono 10 anni di differenza, che non sembrano essere assolutamente un problema.

    Intervistato da Vanity Fair, il vicepresidente della Camera ha parlato così di questa storia d’amore: ‘Ora sono quasi due anni che stiamo insieme, conviviamo in una casetta a Trastevere. Ho trovato finalmente una persona che condivide la mia passione e non se ne sente danneggiata [...] L’idea della famiglia c’è. I figli li vorremmo e, a quel punto, vorremmo anche il matrimonio. Sa, io sono credente. Non super praticante, ma la presenza di Dio la sento molto’.

    La politica di Luigi di Maio e il suo ruolo nel M5S

    Aperta camera ardente Dario Fo a Milano
    Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista / Ansa

    Luigi Di Maio si avvicina al Movimento 5 Stelle durante gli anni universitari e ne diventa attivista. Nel 2010 si candida come consigliere alle elezioni comunali a Pomigliano D’Arco, ma non viene eletto. Ha più fortuna con le politiche del 2013, quando viene eletto alla Camera dei Deputati come secondo più votato nella sua lista e nella sua Circoscrizione.

    Il 21 marzo 2013, all’età di 26 anni, Luigi Di Maio viene eletto Vicepresidente della Camera dei Deputati, risultando il politico più giovane in Italia ad aver assunto tale incarico. Oggi, alla vigilia dei 31 anni, Di Maio continua a ricoprire quella carica.

    Il nome di Luigi Di Maio, 31 anni da compiere il prossimo 6 luglio, è spesso associato a quello di Alessandro Di Battista, altro giovane esponente del Movimento 5 Stelle. Ma in realtà, a parte la giovane età e lo stesso schieramento politico, non sono tante le cose che li accomunano.

    Se Di Maio è il vicepresidente della Camera e anche candidato premier in pectore alle prossime politiche, Di Battista è più ‘luomo delle piazze e dei comizi’ in giro per l’Italia. Tra i due non corre buon sangue e, anche se tentano in tutti i modi di nasconderlo, all’interno del Movimento sarebbe in corso una vera e propria faida tra i due rivali.

    Leggi anche: Politici e social network: le gaffe più assurde su Facebook e Twitter

    Tutte le gaffe e le frasi memorabili di Luigi di Maio

    Luigi Di Maio è noto non solo per il suo impegno politico ma anche per gli errori con il congiuntivo e le numerose gaffe che ha collezionato nel corso di questi ultimi anni. La citazione di Almirante, Berlinguer e DC è solo l’ultima delle sue frasi memorabili che hanno attirato l’attenzione e l’ironia della rete.

    Nel luglio del 2016, presentando uno studio dell’attività del M5S sulla sua pagina Facebook, il vicepresidente della Camera parla della ‘lobby dei malati di cancro’. Si alza un polverone mediatico e politico, che Di Maio cerca di calmare circostanziando meglio la sua infelice affermazione.

    A settembre 2016, in piena campagna referendaria, Di Maio fa un nuovo ‘scivolone social’. Attaccando Renzi in un post su Facebook, confonde in un passaggio il Venezuela con il Cile: ‘Renzi ha occupato con arroganza la cosa pubblica, come ai tempi di Pinochet in Venezuela’. Quando Di Maio corregge il messaggio ormai è tardi: la gaffe ha già fatto il giro di tutti i social network.

    Anche in tv le gaffe si sprecano. Ospite di Bianca Berlinguer a #cartabianca, sbaglia nome e professione del defunto sociologo Luciano Gallino: ‘Non ce li siamo inventati noi ma economisti come Ortona e come il defunto psicologo Gallini che, tra l’altro, scriveva sul giornale di Giannini’.

    Le gaffe di Di Maio riguardano anche la politica estera, come quando ha detto che ‘dalla Romania l’Italia importa solo criminali’ o quando, in visita in Usa dove ha incontrato alcuni studenti e ricercatori della Kennedy School ha dichiarato : ‘Sulla Libia abbiamo sbagliato a fidarci di Sarraj. Venezuela e Cuba possono mediare’. Sostenendo, con questo, che l’attuale crisi del paese africano non possa essere risolta dai Paesi occidentali che hanno interessi petroliferi in Libia. Peccato che il Venezuela non sia il Paese più adatto in questo momento, visto che si trova sull’orlo di una guerra civile e vittima di una crisi economica devastante.