Londra: Bunga Bunga diventa una pizzeria

da , il

    Londra: Bunga Bunga diventa una pizzeria

    L’intera vicenda del bunga bunga e dei festini di Arcore ha fatto scendere la credibilità del nostro Paese sotto i livelli minimi di dignità. Non si contano le copertine che i giornali stranieri, anche autorevoli, hanno dedicato a Silvio Berlusconi e ad i suoi problemi di donne, con toni perlopiù ironici.

    Come se non bastasse la repubblica delle banane, il bunga bunga ha riscritto l’immagine dell’Italia anche nell’opinione pubblica straniera, così ora questo termine è diventato di dominio pubblico, e anzi viene sfruttato per pubblicizzare l’italianità. Non ci credete? Bene, ecco per voi il Bunga Bunga Bar, direttamente da Londra.

    Si tratta di una pizzeria situata a sud del Tamigi dove il tutto è stato creato in onore di Ruby Rubacuori e dove il faccione ammiccante di Berlusconi fa capolino un po’ dappertutto, sulle pareti e persino sulla porta della toilette degli uomini. L’idea geniale è di due giovani imprenditori, Charlie Gilkes e Duncan Stirling.

    Tutto in questo locale è un omaggio (anche se il confine che lo separa dall’ironia non si capisce bene) al nostro Paese: il bancone del bar possiede la sobria forma di una gondola con tanto di tramonto sulla laguna dipinto sullo sfondo, il palco da intrattenimento rievoca il Colosseo e ci sono persino le teste di statue romane appese alle pareti.

    Al centro del discorso, comunque, c’è sempre e solo Silvio, che come detto campeggia un po’ ovunque, anche in una scultura che lo ritrae accanto alla sua compare Ruby. Le pizze ovviamente sono dedicate alle Olgettina girls, e quindi propongono nomi surreali come Ruby, Aida, Micaela e così via, mentre le cameriere, in puro stile Arcore, sono vestite con un grembiule che simula le nudità.

    I due proprietari si dimostrano fieri della loro trovata, che sta ottenendo grande eco sulla stampa e su Internet: “Berlusconi è una persona imprevedibile. So che ha coniato la frase Bunga Bunga e che ci scherza su anche durante gli incontri diplomatici. Chi lo sa, ci sta che venga a trovarci la prossima volta che è a Londra. Il termine bunga bunga è divertente, e abbiamo pensato fosse perfetto per ciò che volevamo creare qui”.

    Per chi volesse farci un giro, sappiate che è disponibile anche un cocktail a nome Berlusconi’s Bellini, che viene servito in una tazza che riproduce la sua testa. Se riuscite a superare lo sconforto, magari la bevanda è anche buona.