Le foto naturalistiche più belle secondo Oasis

Giovedì 10/02/2011 da Mario Bello in News, Scienze e Misteri

    Come ogni anno, anche per il 2011 la rivista Oasis ha rinnovato il suo appuntamento con l’Oasis Photocontest, concorso dedicato ai fotografi professionisti che premia i migliori scatti naturalistici. Un concorso internazionale che ha richiamato quest’anno 821 fotografi provenienti da tutto il mondo.

    Sono ben 28 i Paesi rappresentati al Photocontest 2010, alcuni anche inusuali come Corea del Sud, Vietnam, Iran, per un totale di oltre 10.700 fotografie ammesse alla fase finale di quello che è considerato come il premio Oscar della foto naturalistica. Un lavoro mastodontico di selezione che ha portato alla scelta finale di Tommaso Balestrini come World Best Photography.

    Gli scatti hanno rappresentato in pieno la bellezza del nostro pianeta, ripreso dalle fedeli macchine fotografiche da esperti e semplici appassionati, armati di tanta pazienza, prontezza di riflesse e amore per le meraviglie che la natura, pur così bistrattata al giorno d’oggi, continua ancora a regalare.

    Il concorso è stato suddiviso in dieci sezioni in base al soggetto: dai mammiferi agli uccelli, dagli animali domestici alle foto subacquee, passando per i popoli e le genti e le tecniche di ripresa.

    Il compito arduo di giudicare l’intera mole di scatti è stato affidato a giornalisti e autorevoli fotografi sotto l’attenta guida di Folco Quilici.

    Ottima la prestazione dei fotografi del nostro Paese, che hanno partecipato in massa e hanno portato a casa anche altri premi oltre al più ambito. Nella sezione italiana la vittoria è andata a Sergio Sarta, che ha presentato una suggestiva immagine subacquea di un cormorano alle prese con un branco di pesci, mentre anche Marco Santini di Milano appare tra le menzioni speciali.

    I 10 primi premi di sezione sono stati assegnati a Fabrizio Antonelli, Thomas Austin, Paolo Fossati, Long Ly Hoang, Lorenzo Maginzali, Valerio Desideri, Isvan Kerekes, Francisco Mingorance, Paolo Torchio, Luigi Felcher.
    Il concorso, inoltre, non è certo fine a se stesso, visto che le immagini più belle faranno parte della mostra “Oasis Photocontest 2010“, che nel corso del 2011 farà tappa in varie città italiane.

    SCRITTO DA Mario Bello PUBBLICATO IN NewsScienze e Misteri Giovedì 10/02/2011