La politica di Emmanuel Macron in 9 punti

Quali sono i punti chiave della politica di Emmanuel Macron, il nuovo Presidente della Francia che ha battuto al secondo turno Marine Le Pen. Dalla sanità all'ambiente passando per i temi etici e l'immigrazione, ecco i 9 punti della politica di Emmanuel Macron

da , il

    Ha battuto al secondo turno elettorale Marine Le Pen diventando il nuovo Presidente della Francia: la politica di Emmanuel Macron viene vista adesso con grande attenzione anche al di fuori dei confini transalpini, dopo che il leader di En Marche ha dichiarato la forte impronta europeista del suo mandato. Dall’immigrazione ai temi etici passando per altri temi caldi sia in ambito nazionale che internazionale, ecco in 9 punti chiave la politica di Emmanuel Macron efficacemente sintetizzata nelle pagine seguenti.

    Immigrazione: accoglienza e controllo

    immigrazione

    Dal punto di vista dell’immigrazione e dell’accoglienza Emmanuel Macron ha promesso di occuparsi delle richieste di asilo nei primi sei mesi della sua presidenza: la sua politica sarà improntata all’accoglienza dei rifugiati ma sarà altrettanto severa sui controlli, ma si dice assolutamente contrario alla chiusura dei confini, promettendo di coinvolgere la Ue strettamente su tutto ciò che concerne l’immigrazione.

    Foto di Rete studenti di massa

    Terrorismo: l’unità speciale anit-Isis

    Parigi, Omaggio davanti al Bataclan

    Nella Francia sconvolta dal terrorismo negli ultimi anni la politica di Emmanuel Macron si fonda sulla creazione di un’unità speciale anti-Isis che coinvolga i servizi segreti principali sotto la supervisione del Presidente della Repubblica: ‘Daremo vita a uno staff permanente che pianifichi le operazioni di sicurezza interna e che si combinerà ai servizi e al personale dei Ministeri dell’Interno e della Difesa, e vedrà in alcuni casi la partecipazione dei Ministeri dei Trasporti, Salute e Industria‘, ha affermato il neo-Presidente di Francia. Efficienza è la parola d’ordine di Macron dal punto di vista della sicurezza.

    Sanità: rimborsi e nuove case di cura

    sanita

    Un piano da 5 miliardi che prevede il raddoppiamento delle case di cura sul territorio, per sopperire alla desertificazione dei presidi medici, e rimborso al 100 per cento per la spesa di occhiali, apparecchi acustici e odontoiatrici fino al 2022: questo il programma di Emmanuel Macron sul fronte della sanità.

    Istruzione: nuove cattedre e aumento degli stipendi

    istruzione

    Dal punto di vista dell’istruzione la politica di Emmanuel Macron si fonderà sulla creazione di 5mila nuove cattedre, maggiori investimenti su periferie e aumento degli stipendi degli insegnanti. Verranno ristabilite anche le classi bilingue. Per la cultura invece Macron propone un assegno da 500 euro per gli under 18 che venga finanziato dallo Stato in compartecipazione con le grandi multinazionali.

    Ambiente: ricerca ed innovazione

    ambiente

    Emmanuel Macron ha definito l’ambiente uno dei pilastri della sua politica, per cui ci saranno grandi investimenti sul fronte della ricerca e dell’innovazione in chiave eco-sostenibile. Confermati gli impegni presi alla Cop21 di Parigi che prevede di contribuire all’abbassamento del surriscaldamento climatico, chiudendo le centrali a carbone entro cinque anni e impedendo lo sfruttamento di nuove fonti energetiche originate da idrocarburi, mentre contestualmente si prevede di raddoppiare la potenza ricavata da fonti rinnovabili con un piano di investimento da 50 miliardi di euro. La politica di Emmanuel Macron prevede anche sul fronte ecologico guerra ai pesticidi e incentivi per l’acquisto di automobili a basse emissioni con bonus da 1000 euro.

    Difesa del matrimonio e riconoscimento della maternità surrogata

    maternita surrogata

    La politica di Emmanuel Macron sui temi etici si fonda sulla pluralità del concetto di famiglia, per cui la difesa del matrimonio tradizione va a braccetto con il riconoscimento giuridico ai figli nati da maternità surrogata all’estero. Guerra all’omofobia soprattutto sui posti di lavoro e alla mercificazione delle donne coinvolte dal fenomeno della surrogazione di maternità nel mondo.

    Parità di diritti tra uomini e donne

    lavoro donna

    La parità dei diritti tra donne e uomini sono un altro dei punti cardine della politica di Emmanuel Macron non solo sul piano meramente legislativo: oltre ad impegnarsi nella parità professionale e salariale nelle grandi aziende, il nuovo Presidente della Francia propone la creazione di un unico congedo di maternità garantita per tutte le donne in modo da permettere a tutte, indipendentemente dal loro status sociale e professionale, di poter conciliare vita familiare e sul posto di lavoro.

    Nuove carceri e penitenziari solo per i terroristi

    prigione

    15mila posti in più nelle carceri francesi fino al 2022: questa la volontà espressa da Emmanuel Macron dal punto di vista della sicurezza per poter garantire che almeno l’80 per cento dei detenuti sia in una cella individuale. Inoltre si prevede la creazione di centri penitenziari esclusivi per i foreign fighters per debellare il fenomeno del reclutamento in prigione tra i fondamentalisti islamici.

    Più polizia e più budget per la difesa

    polizia

    Restando in ambito difesa e sicurezza, l’ultimo dei punti salienti della politica di Emmanuel Macron prevede un aumento delle spese militari attraverso la creazione di 10mila posti di lavoro in più tra le fila della polizia e il ripristino del poliziotto di quartiere che era stato soppresso da Nicolas Sarkozy. Il Presidente della Francia propone inoltre un aumento del budget dedicato alla Difesa pari al 2 per cento del Pil e di riformare lo Stato maggiore, rendendolo direttamente dipendente al Consiglio di difesa.