Ha due mesi di vita e spende tutto: i medici sbagliavano

da , il

    Ha due mesi di vita e spende tutto: i medici sbagliavano

    Cosa fareste se i medici vi dicessero che avete soltanto due mesi di vita davanti a voi prima della notte eterna? Probabilmente, dopo una fase di disperazione, cerchereste di godervi al meglio il tempo che vi rimane, non badando a spese una volta tanto. E’ proprio quel che è successo a Frank, un signore della Nuova Zelanda che ha speso tutti i suoi risparmi convinto di dover morire, e invece è ancora sano come un pesce ma ridotto sul lastrico.

    A Frank, 69 anni, i medici avevano diagnosticato un cancro allo stato terminale, il secondo dopo quello che gli era costato atroci dolori, un percorso di chemioterapia e l’asportazione di una parte di polmone. Questa volta non se la sentiva di combattere di nuovo, così ha deciso di partire per le isole Figi con la moglie Wilma, in barba ad ogni spesa per vivere al meglio quelli che,era convinto, sarebbero stati i suoi ultimi mesi. Giorni di spensieratezza e spese folli, distrutti però dalla notizia sconvolgente: i medici avevano sbagliato. Quale sarebbe stata la vostra reazione?

    Non aveva nulla da perdere, visti i soli due mesi di vita rimasti, così Frank si è sbarazzato di tutta la merce contenuta nel suo piccolo negozio di ferramenta a Auckland (19 mila euro), della casa a Wairoa (44 mila euro) e dell’assicurazione sanitaria. Inoltre ha ricominciato a fumare, a bere caffè e a coltivare quei vizi che prima non poteva permettersi. La spesa complessiva nei soli primi dieci giorni ammontava a 30mila dollari tra ristoranti, hotel a cinque stelle, escursioni e battute di pesca.

    Dopo 23 mesi un infermiere dell’assistenza a domicilio per i pazienti terminali è riuscito a contattare Frank con la dolce e amara verità: “Lei non ha il cancro, non lo sapeva?”. L’analisi di una seconda immagine agli ultrasuoni aveva rivelato infatti che Frank era sano come un pesce. La coppia ovviamente ha presentato una denuncia e il caso verrà approfondito dalla Commissione Salute della Nuova Zelanda, ma al momento si trovano nei debiti fino al collo, una cifra intorno agli 80 mila dollari. A questo punto Frank non sa se essere felice o piangere.