Gli 11 alberi di Natale più brutti del mondo

Andiamo assieme alla scoperta degli alberi di Natale più brutti del mondo, ispirati dal mitico (e povero!) Spelacchio, l'abete rosso di Piazza Venezia a Roma che è morto quasi subito dopo esser stato installato in loco. Ma gli alberi di Natale brutti non sono una novità: a parte i gusti discutibili, c'è chi ne ha fatto un vanto e ripropone ogni anno un albero di Natale decisamente antiestetico. Non ci credi? Guarda la nostra gallery!

da , il

    gli 11 alberi di natale più brutti del mondo

    Dopo Spelacchio, è caccia agli alberi di Natale più brutti del mondo. L’albero di Natale della Capitale anche quest’anno si aggiudica un titolo non esattamente ambito, che lo colloca fra gli alberi di Natale esteticamente poco piacevoli. Ma Spelacchio non è l’unico albero di Natale brutto in giro per il mondo: fra gusti discutibili in fatto di addobbi natalizi, calamità naturali e quant’altro, se ne vedono in giro di ogni. Ma c’è anche di chi ha fatto necessità virtù e la bruttezza diventa, così, un vanto vero e proprio da esibire senza timore: chiedetelo agli abitanti di Montreal!

    Spelacchio, Roma

    alberi di natale più brutti spelacchio

    Non poteva non andare a lui il primo posto fra gli alberi di Natale più brutti del mondo. Povero Spelacchio, però! E dire che quando questo abete rosso è stato tagliato era rigoglioso e bellissimo. Secondo la Magnifica Comunità della Valle di Fiemme, che ha venduto al Comune di Roma l’abete, la pianta ha probabilmente subito un errato processo di slegatura una volta arrivata in città, operazione che l’ha danneggiata irrimediabilmente.

    L’albero di Natale di Montreal

    Forti del successo (chissà se per volontà o per caso) dell’albero di Natale brutto del 2016, anche nel 2017 Montreal ha voluto rinnovare la “tradizione”. Al Village du Vilain Sapin, l’albero di Natale è non solo addobbato approssimativamente, ma è anche storto!

    L’albero di Natale di Montreal del 2016

    alberi di natale più brutti del mondo   montreal 2017

    Ed eccolo qui il capostipite della tradizione di Montreal, l’abete che lo scorso anno ha fatto sbizzarrire i turisti e i blogger che l’hanno incoronato quale l’albero di Natale più brutto del mondo in assoluto.

    Ramo o albero di Natale brutto?

    Feeling the Chrissy vibes! #holidaylook #hygge #shannonfrithrealtor #cozychristmas #uglytree

    A post shared by Shannon Frith (@shannonfrithrealtor) on

    Gli alberi di Natale brutti possono trovarsi anche nelle nostre case: non c’è bisogno di bersagliare il povero Spelacchio di Piazza Venezia! Qui è arduo capire se siamo davanti ad un ramo o semplicemente ad un brutto abete.

    Un mostro di albero di Natale

    Anche se madre e figlio posano sorridenti, sappiamo cosa stanno pensando “Ma è un mostro o un albero di Natale brutto?”. Nell’indecisione, diciamo che è un mostro di albero di Natale!

    L’albero di Natale a testa in giù

    Ok, l’albero di Natale a testa in giù ha senso se hai un gatto e vuoi fare il tipo originale (tanto il felino troverà il modo di arrampicarcisi), ma se un albero così lo si trova nella hall di un albergo, beh, la scelta è davvero discutibile. Bocciato!

    The perfect ugly tree

    Questa coppia è felice di aver trovato finalmente “the perfect ugly tree”. Contenti loro… che poi con le lucine non è poi tanto male, oppure no? Ha il suo fascino.

    L’albero di Natale lampada

    Albero di Natale con forti crisi d’identità: “Ma sono un albero o una lampada?”. Per noi è decisamente uno degli alberi di Natale più brutti del mondo!

    L’albero di Natale di Barbie

    Deve essere la casa di Barbie, non c’è altra spiegazione! Perché un albero di Natale rosa non è solo brutto, ma è davvero ingiustificabile. Se poi ci si abbina anche un Babbo Natale con abito in tinta si raggiungono picchi di orrore mai visti.

    L’albero di Natale di design

    Ok, qualche anima più trendy ammettiamo che potrebbe apprezzare un albero di Natale particolare come questo, anzi lo definirebbe di design o giù di lì. Gusti.

    L’albero di Natale umano

    Se in casa non trovi l’albero di Natale, è probabile che l’albero sia tu! E’ con questa filosofia che il baldo giovane si è agghindato a festa sfoggiando rami di abete e palline multicolor. E noi che dicevamo che i maglioni con le renne sono inguardabili: bisognerà rivalutarli!