Giappone, pescatore trova 100 mila euro nella rete

Giappone, pescatore trova 100 mila euro nella rete
da in News, Notizie Curiose
    Giappone, pescatore trova 100 mila euro nella rete

    C’era una volta il detto “chi dorme non piglia pesci”. Oggi dovremmo adattarlo ai tempi moderni, trasformandolo in “chi dorme non pesca banconote”. Ha davvero del surreale quanto è accaduto in Giappone qualche tempo fa: un pescatore si è reso protagonista di una pesca davvero miracolosa.

    Insieme alla sua bella quantità di pesce, l’uomo ha infatti tirato su con la rete anche una borsa misteriosa. Incuriosito dalla scoperta, il pescatore ha pensato bene di aprirla (si sa mai che possa contenere qualcosa di interessante) realizzando il classico terno al lotto: nella borsa erano contenute infatti ben 1.100 banconote da mille yen.

    Un gruzzolo davvero niente male, che al cambio attuale significa 100 mila euro. La pesca miracolosa è avvenuta al largo della costa nordoccidentale del Paese, nelle acque della città di Ofunato., prefettura di Iwate. Una lezione di vita per chi afferma che la pesca non è più un buon affare.

    Possedere una piccola imbarcazione e svegliarsi ogni mattina all’alba per uscire in mare sperando di pescare il necessario per mantenere la propria famiglia non è effettivamente una prospettiva che molti accetterebbero volentieri.

    Eppure questa storia dimostra che qualche volta la fortuna bacia chi si dedica con passione al proprio lavoro.

    Come sarà mai finita questa borsa in mare con tutti quei soldi? Un funzionario locale di nome Kou Ueno ha spiegato alla stampa che la borsa è stata probabilmente trascinata via dallo spaventoso tsunami provocato dal terremoto di magnitudo 9,0 che ha sconvolto le isole del Giappone sette mesi fa. La valigetta sarebbe poi finita sul fondo del mare, dimenticata da tutti.

    Secondo quanto dettano le leggi giapponesi, ora tutto il denaro contante potrebbe diventare di proprietà del pescatore, se entro sei mesi nessuno riuscirà a dimostrare di essere il legittimo proprietario. Inizia quindi una lunga e spasmodica attesa per l’uomo, che dal 27 aprile 2012 potrebbe mettere in banca la considerevole somma di 100 mila euro.

    341

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsNotizie Curiose
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI