Leggi più strane del mondo (Foto)

1 di 10
    continua
    http://www.qnm.it/attualita/fotogallery/leggi-piu-strane-del-mondo_7379.html
    Vietato morire
    Vietato morire. Le leggi spesso sono tutto fuorché sensate, e non pensiate che si tratta di una prerogativa tutta italiana. Al mondo esistono leggi che definire strane è riduttivo, come quella che sull'isola Longuearbyen vieta la morte: i cadaveri vengono spediti sulla terraferma.

    Vietato morire

    Le leggi spesso sono tutto fuorché sensate, e non pensiate che si tratta di una prerogativa tutta italiana. Al mondo esistono leggi che definire strane è riduttivo, come quella che sull'isola Longuearbyen vieta la morte: i cadaveri vengono spediti sulla terraferma.

    Diritto di evasione

    Diritto di evasione

    In Danimarca l'evasione non è ancora considerata un reato.

    Divieto di accesso per turisti

    Divieto di accesso per turisti

    In Kenya alcune zone del Paese non sono accessibili ai turisti, che devono limitarsi ai percorsi prestabiliti.

    Divieto di causa alla dogana

    Divieto di causa alla dogana

    In Inghilterra fare causa a un'agente della dogana ispezioni è praticamente impossibile.

    Divieto di invasione aliena

    Divieto di invasione aliena

    In Gran Bretagna gli alieni non possono procedere all'invasione se non in possesso di apposita autorizzazione.

    Divieto di mimetica

    Divieto di mimetica

    In Trinidad e Tobago è severamente vietato indossare abiti militari.

    Divieto di obesità

    Divieto di obesità

    In Giappone, patria del sumo, l'obesità è reato ed esistono limiti massimi per il girovita.

    Divieto di sciacquone

    Divieto di sciacquone

    In Svizzera, dalle 22 è vietato tirare lo sciacquone nei condomini per evitare inquinamento acustico.

    Paga chi è sazio

    Paga chi è sazio

    In Danimarica nei ristoranti a fine pasto paga solo chi si sente davvero sazio.

    Vietato mangiare durioni

    Vietato mangiare durioni

    A Singapore è vietato mangiare i durioni in luogo pubblico, a causa della loro puzza tremenda.