Classifica del lato B delle donne del Pdl alla Camera

da , il

    Classifica del lato B delle donne del Pdl alla Camera

    Ci troviamo in un periodo che definire oscuro è riduttivo: la politica è sempre più lontana dai problemi delle persone comuni, avvitata su se stessa e quanto mai autoreferenziale nei discorsi e nelle azioni. Dal canto suo il cittadino medio ormai sembra assuefatto e quasi non si indigna neanche più davanti alle notizie che arrivano regolarmente.

    Quella di cui vi parliamo oggi è una notizia che ci porta dietro le quinte del Parlamento, lì dove si trovano coloro che, da noi pagati, dovrebbero lavorare per il bene del paese, e invece non hanno niente di meglio da fare che divertirsi a fare sondaggi e classifiche. Questa volta sarebbe toccato al lato B delle donne del Popolo delle Libertà alla Camera.

    Non si tratta di uno di quei giochetti del tipo che si fanno sui banchi di scuola, quando i compagni si sussurrano i nomi delle loro predilette, perché qui a proporre la cosa sarebbe stato il responsabile della comunicazione del Pdl alla Camera Giancarlo Mazzucca. La cosa ha fatto infuriare Alessandra Mussolini.

    Il progetto della classifica è venuto alla luce del sole proprio quando Mazzucca si è avvicinato alla Mussolini, chiedendole se volesse essere inserita nella classifica. Il sito La Repubblica riporta lo scambio di battute, che ha qualcosa di davvero surreale: “Ma tu vuoi essere inserita al quinto posto della nostra classifica? sai… ne scriverò su Panorama”. La Mussolini, ignara, risponde “classifica? di chi ha presentato più disegni di legge?” e lui “disegni di legge? macché… io sto parlando di c…, il tuo sarebbe classificato al quinto posto”.

    Sembrerebbe uno scambio uscito da un film pecoreccio degli anni ’80, e invece il tutto è successo nelle sale del Transatlantico alla Camera. La Mussolini, come da suo carattere quando si parla di cose del genere, non ha fatto attendere la sua reazione, andando a protestare con Bonaiuti e Cicchitto. Da un dialogo con la collega Paola Concia possiamo ammirare la sua determinazione:

    “Sai che ho detto a Bonaiuti e a Cicchitto? Che se esce una sola riga di questa roba possono star certi che lo scrivo io un articolo sull’Espresso, ma per fare la mia classifica, di quanto è lungo o corto il microchip dei nostri parlamentari. Sai che risate ci facciamo?”. Detto che la comunicazione del Pdl ormai si è conformata del tutto al bunga bunga presidente, vorremmo a questo punto sapere quali deputate si trovano i primi posti della classifica.

    Foto AP/LaPresse