Cina, figlia nasce brutta: uomo denuncia moglie per truffa [FOTO]

Martedì 06/11/2012 da Mario Bello in News, Notizie Curiose, Cina
    Cina, figlia nasce brutta: uomo denuncia moglie per truffa [FOTO]

    Il vecchio adagio diceva che “ogni scarrafone è bello a mamma soja”, ma questo non vale evidentemente per tutti, come dimostra una strana notizia che arriva dalla Cina. In bilico tra farsa e tragedia, la vicenda vede protagonista un uomo che, dopo la nascita di una figlia brutta, ha fatto causa alla moglie per truffa. Il motivo? Lei si era sottoposta a plastica facciale per sembrare più bella. Una storia che somiglia spaventosamente alla trama di una commedia trash americana.

    Cerchiamo di districare la matassa della questione: qualche tempo fa la famiglia Feng decide di mettere al mondo un pargolo ma, quando nasce la tanto attesa bambina, agli occhi del padre risulta talmente brutta che lui rifiuta di riconoscerla, chiedendo addirittura il test del DNA. La nascita della primogenita si trasforma così in una farsa, finita anche in tribunale. Jian Feng, sconvolto dall’aspetto della bambina, vuole vederci chiaro perché “quella non può essere sua figlia”. Troppo brutta per discendere da due genitori belli come loro, insomma.

    Il test però non fa che peggiorare la situazione, accertando che la bambina è figlia naturale della coppia.

    Da questo momento la trama accelera, trasformando la storia in un giallo grottesco, con la madre che crolla e confessa il suo ‘terribile’ segreto, ovvero un’operazione di chirurgia plastica al viso per sembrare più bella e trovare finalmente un partito. Un intervento complesso da 80 mila euro, di cui il marito però non sapeva nulla. Il buon Jian Feng non la prende bene e decide di trascinare la moglie in tribunale.

    Le sue parole sono chiare e inequivocabili: “Ho sposato mia moglie per amore ma, dopo la nascita di nostra figlia, abbiamo iniziato ad avere problemi coniugali: era talmente brutta che mi ha scioccato”. Le parole che ogni figlio vorrebbe sentire da suo padre. Alla fine comunque il genitore degenere ha avuto la meglio, visto che il giudice ha accolto la sua richiesta costringendo la donna a risarcire l’uomo con 100 mila euro per danni morali. Quando si dice che l’amore è cieco!

    SCRITTO DA Mario Bello PUBBLICATO IN NewsNotizie CurioseCina Martedì 06/11/2012