Cicciolina torna in politica: vuole diventare sindaco

Cicciolina torna in politica: vuole diventare sindaco
da in News, Politica
    Cicciolina torna in politica: vuole diventare sindaco

    Cicciolina colpisce ancora. Non si tratta del titolo di una nuova fatica cinematografica dell’icona dei film per adulti, ma piuttosto del titolo di una news di attualità. Tornata prepotentemente alla ribalta proprio in queste settimane, Ilona Staller vuole trarre tutto quel che può da questa rinnovata celebrità.

    Arrivata alla soglia dei 60 anni non poteva certo annunciare un ritorno ai set che l’hanno resa famosa, e quindi ha scelto l’unica alternativa proponibile ovvero il ritorno alla politica, che l’aveva vista già protagonista nell’ormai mitico Partito dell’amore, in Parlamento dal 1987 al 1992. Quasi vent’anni dopo, è tempo di riprovarci.

    Per la serie largo ai giovani e alle nuove idee, Cicciolina ha rivelato di volersi candidare a sindaco di Monza. La classica notizia bomba, che la donna ha reso nota subito dopo aver ricevuto la notizia che riuscirà a ottenere la tanto discussa pensione da tremila euro al mese per quella breve esperienza in Parlamento.

    Lei non sembra essere stata scalfita più di tanto dalle polemiche e dalle critiche che le sono piovute addosso all’indomani della rivelazione del dorato (per i tempi che corrono) vitalizio che ha meritato sudando tra i banchi della Camera. E quindi, visto che se bisogna fare una cosa bisogna farla in grande, ecco il sogno mai sopito di diventare primo cittadino.

    In un’intervista al settimanale Oggi, Cicciolina spiega che nel nostro bistrattato Paese c’è bisogno di “un partito di tipo ottimista-futurista. Basta con i partiti del magna-magna, i voti pilotati, gli appalti e le corruzioni. Pensiamo a un partito degli onesti: antimilitarista e per i diritti dei deboli. Andrei fra la gente, come al tempo dei Radicali, ad ascoltare i problemi”.

    La novella aspirante Madre Teresa rispolvera quindi tanti luoghi comuni e non rinuncia a qualche provocazione: “Farei diventare Monza una città eccitante! Ne ha tutte le potenzialità. Per esempio, se si trasformasse la Villa Reale in un lussuoso Casinò arriverebbero soldi a palate per il comune”. E chiude con una frase che suona più come una minaccia che come una promessa “Sentirete ancora parlare di Cicciolina in politica”. Ne sentivamo il bisogno.

    385

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsPolitica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI