Cannibale russo mangia fegato dell’amico nel ragù

Cannibale russo mangia fegato dell’amico nel ragù
da in News, Notizie Curiose
    Cannibale russo mangia fegato dell’amico nel ragù

    In tempi di crisi economica ognuno si arrangia come può, e pare che stiano tornando di moda costumi antichi che sembravano abbandonati da tempo. Tra questi, il cannibalismo sembra essere il vero trend del 2011. Solo qualche giorno fa vi avevamo raccontato dell’uomo arrestato in Slovacchia per aver cercato di “comprare” un uomo per mangiarlo, ed ecco che oggi la storia si ripete in Russia.

    Questa volta non si tratta di annunci messi online con la speranza di beccare qualche persona tanto folle o disperata da lasciarsi uccidere e mangiare allegramente. L’Hannibal Lecter del giorno si chiama Nikolai Chadrine, ed è stato arrestato dalla polizia di Mosca, trovato ancora con le mani in pasta.

    L’uomo, affetto da gravi problemi psichiatrici (ma chi non lo sarebbe avendo come abitudine alimentare quella di mangiare interiora umane?), è stato infatti accusato di aver ucciso un suo amico, tale Ilia Egorov, e di averlo fatto a pezzi, utilizzando le parti del corpo come cibo.

    Come se la storia non fosse già abbastanza disgustosa, la polizia ha dovuto constatare al momento dell’arresto che il ragù che l’uomo stava tranquillamente preparando per condire la pasta era a base non di manzo, ma di fegato della vittima.

    Una scena simile l’avevamo vista solo nei film interpretati da Anthony Hopkins nei panni di Hannibal Lecter.

    L’indagine che ha incastrato Nikolai era partita dall’omicidio di Ilia Egorov, un 40enne moscovita il cui corpo era stato smembrato e lasciato a marcire in strada in vari punti della città. Gli agenti erano riusciti a identificare la vittima dalle impronte digitali e poi erano risaliti al possibile killer esaminando il suo giro di conoscenze.

    Nella casa dell’uomo, affetto come detto da una malattia psichiatrica, i poliziotti hanno ritrovato, oltre al fegato in pentola, anche altre prove inconfutabili dell’omicidio, come le tracce del Dna della vittima e gli utensili utilizzati da Chadrine per compiere il delitto. La vera domanda a questo punto è: quante altre vittime si sarà preparato come spuntino il buon cannibale?

    351

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsNotizie Curiose
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI