NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Berlusconi, barzelletta censurata: scoop di Annozero (video)

Berlusconi, barzelletta censurata: scoop di Annozero (video)
da in News, Politica, Silvio Berlusconi

    Nell’ultima puntata di Annozero abbiamo assistito all’ennesima riprova che l’Italia sta vivendo il momento più basso in quanto a dignità e credibilità delle istituzioni (ma non solo). Il grande protagonista, e come potrebbe essere altrimenti, è ancora il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, stavolta coadiuvato da un gruppo di giornalisti.

    Definirli giornalisti in effetti è davvero un oltraggio alla categoria, che purtroppo da noi però è scesa talmente in basso negli ultimi anni da confondersi con la claque al servizio del potente di turno. Il video che vi mostriamo è in grado di provocare reazioni di rabbia in chiunque creda che ci sia bisogno della parola fine in questo teatrino continuo.

    Al centro della storia c’è una barzelletta, l’ennesima raccontata da Berlusconi, che però è stata incredibilmente tenuta sotto silenzio su tutti i giornali e i siti, censurata (perché questa è la vera parola) per non screditare il premier dai giornalisti che erano lì ad ascoltarla.

    Si tratta di uno scoop incredibile, che nelle mani di Michele Santoro diventa materia incandescente e argomento dell’anteprima del programma, quello in cui il presentatore si lancia in un breve monologo introduttivo: “Ci è arrivato un video, su un dischetto, che contiene una barzelletta del premier. Ora, questa barzelletta è scomparsa dai mezzi di informazione. Berlusconi era circondato da un gruppo di giornalisti e nessuno ha ritenuto di scrivere di questo episodio”.

    Ci troviamo nell’immediato dopo partita del derby Milan Inter, ed un giornalista chiede a Berlusconi se ritenga che Allegri ricordi Fabio Capello come allenatore. Lui replica che è vecchio, non ricorda e sta perdendo la memoria. Questa battuta diventa il via perfetto per l’ennesima barzelletta (all’estero c’è anche chi si occupa di catalogarle: indovinate qual è la tematica preferita dal premier?).

    La barzelletta recita così, con tanto di sottotitoli nel video: “Questa mattina stavo inseguendo la mia segretaria per farmela sul tavolo. Ma presidente, l’abbiamo fatto due ore fa, mi dice lei. Le rispondo: vedi, la memoria mi fa difetto”. I giornalisti ridono e si premurano di tranquillizzare Berlusconi (che dal canto suo li anticipa “Se lo scrivete, siete…”): questa battuta non verrà mai pubblicata. Auto-censura della peggior specie.

    376

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN NewsPoliticaSilvio Berlusconi
    PIÙ POPOLARI