Autoscatti in bagno: come rendersi ridicoli con un click [FOTO]

da , il

    Esiste una lezione che la maggior parte degli utenti di Internet non ha ancora imparato: quel che viene caricato in rete rimarrà in rete per sempre. Il web non conosce l’oblio, e quel che è peggio rende di dominio pubblico ogni cosa più privata. Lo sanno bene tutti i protagonisti di autoscatti in bagno, uomini e (soprattutto) donne che, con l’intento di mostrare quanto siano sexy, finiscono per dimostrare solo quanto un essere umano possa rendersi ridicolo.

    L’autoscatto e la voglia di immortalarsi potremmo dire che rappresentano quasi un’esigenza antropologica, ma è innegabile che la moda delle foto in bagno davanti allo specchio sia un riflesso diretto dell’esplosione di Internet e dei social network. Aggiungiamo la tecnologia delle fotocamere dei telefoni cellulari, in grado di scattare a risoluzioni prima impensabili, e il quadro è completo. Il disastro, come detto, è sempre dietro l’angolo, come dimostrato dal sito Getoutofthemirror.com, che raccoglie con grande cura le più belle perle del web.

    Il nome del sito è tutto un programma: per cortesia allontanatevi dallo specchio. Infatti, la mania di fotografare il proprio corpo davanti allo specchio, preferibilmente con pochi vestiti addosso e in pose ormai canoniche (tanto che si parla di “scatto Facebook”), da un lato ci ha regalato immagini di ragazze bellissime e disinibite, ma dall’altro ha costretto tutti noi a sorbire anche una lunga sequenza di scatti dell’orrore: cellulite in bella mostra, pance all’aria come fossero motivo di vanto, petti villosi sia di uomini che di donne, esseri mostruosi dai profondi abissi. Insomma, il peggio del peggio. Vedere per credere.