Aldo Biscardi: le frasi (e gli strafalcioni) indimenticabili

A 86 anni è morto Aldo Biscardi, l'inventore del 'Processo del Lunedì', che tanto successo ha avuto prima in Rai, proseguendo su Tele+. Telemontecarlo e 7 Gold. Abbiamo raccolto le frasi e gli strafalcioni indimenticabili del conduttore, diventato famoso anche per questo suo linguaggio, oltre che per aver inventato il dibattito calcistico in televisione

da , il

    Aldo Biscardi: le frasi (e gli strafalcioni) indimenticabili

    E’ morto Aldo Biscardi, l’inventore del ‘Processo del Lunedì’, contenitore di dibattito calcistico che ha appassionato per anni milioni di sportivi italiani. Indimenticabili le frasi e gli strafalcioni, anche, del conduttore. Aveva 86 anni e da qualche tempo era ricoverato al Policlinico ‘Gemelli’ di Roma. Aveva debuttato in televisione nel 1979, in Rai. Un anno dopo l’intuizione del ‘Processo del Lunedì’, il primo talk show sul mondo del pallone, di cui divenne conduttore nel 1983. Dopo tanti anni e pure molte polemiche, nel 1993 Aldo Biscardi lasciò la Rai e passò a Tele+, dove esordì con ‘Il processo di Biscardi’, trasferendo lo stesso format successivamente su Telemontecarlo a 7 Gold.

    Aldo Biscardi: tutte le frasi e gli strafalcioni del conduttore

    Aldo Biscardi

    Vediamo dunque le chicche del conduttore del ‘Processo del Lunedì’, Aldo Biscardi. Le sue frasi più divertenti e gli strafalcioni fatti in tanti anni di carriera.

    • Qui al Processo le polemiche fioccano come nespole
    • E’ una notizia importante, per radio la possono vedere tutti
    • Abbiamo fatto questo pingo pongo per svirilizzare gli animi troppo accesi in questa contesa
    • Dobbiamo andare con il piede per terra
    • E’ ora di finirla di vedere questi atti nazistici e razzistici all’interno degli stadi di calcio
    • Siamo inabissati di e-mail
    • La sequenza filmata della pornostar che si è esibita nuda allo stadio di Piacenza non pronta. Gli operatori la stanno ancora montando.
    • Non parlate tutti insieme, ma massimo 2-3 per volta
    • Io sono come Joyce, Pascoli, Leopardi e Pasolini. E’ il destino dei grandi poeti essere dileggiati
    • Cala il tramonto sul Rio de la Plata. Paco dorme. Uno stormo di piranhas si alza in volo
    • Hai messo la piaga sul dito
    • (Rivolto all’avvocato Taormina) Carlo, incomincia a parlare tu, che sei un foro del principe
    • (A Silvio Berlusconi) Per lei il pluralismo è un opzional
    • Stiamo dimostrando la fallacità degli arbitri
    • (Nel 2013) Spalletti non lo vediamo più, è andato ad allenare in Unione Sovietica
    • Del Piero è rinato, cosa incredibile se si pensa che è uno che c’ha mi pare quasi 33 anni! Corno, che era uno dei suoi eversori, si è dovuto ricredere”
    • (dicembre 2007) Allora, questa è l’ultima puntata del 1907 noi ci rivediamo il 14 gennaio del prossimo anno..
    • L’inevitabile scheda di Carlo Nesti
    • La ringrazio a nome del presidente della Repubblica e del consiglio, abusivamente, ovviamente
    • Do la parola a Zaccheroni. A Zazzaroni. A Zazzaroni, è uguale
    • Dovete finirla! Qui si va sempre nel cul de sac (pausa) Ahahahaha
    • Una valletta straordinaria… io ne ho avute trentotto, ma una con gli occhi così profondi, che non si vedono tanto e con le labbra così carnali mai…
    • Ciao a tutti i miei amici, Rampulla primo piano, che non vedo e sento da parecchio tempo, ora è al telefono con noi, ciao Felice! (Rampulla si chiama Michelangelo)
    • Incrocio le dite
    • Il nostro regista inquadrava sempre i glutei della Cacciatori, che tra l’altro è una gran bella ragazza
    • Il moviolone me l’ha chiesto pure il Vaticano per l’attentato al Papa.