55 Cancri, scoperto il pianeta composto da diamanti

da , il

    55 Cancri, scoperto il pianeta composto da diamanti

    Le meraviglie dello spazio profondo non smettono mai di stupire. L’ultima grande scoperta è 55 Cancri, un pianeta ricoperto di diamanti, il sogno proibito di ogni donna ma anche di ogni uomo in vena di svoltare la propria esistenza verso lusso e ricchezza. Il pianeta già da tempo era stato avvistato dal telescopio spaziale Spitzer, ma solo negli ultimi mesi è stato sottoposto a un’analisi approfondita da un gruppo di ricercatori della Yale University. Analisi che ha recato la lieta sorpresa dei diamanti.

    Ogni appassionato di fantascienza a questo punto starà fantasticando di colonizzazioni e guerre spaziali per il controllo dell’immensa fortuna di 55 Cancri, ma allo stato attuale della tecnologia terrestre la cosa è alquanto improbabile. 55 Cancri è infatti uno dei cinque pianeti che orbitano intorno ad una stella simile al Sole, che si trova a 40 anni luce dalla Terra ed è visibile in lontananza (ma anche a occhio nudo) nella costellazione del Cancro, da cui il nome dato dai ricercatori.

    Il pianeta possiede un raggio doppio ed una massa otto volte superiore rispetto alla Terra, e compie la sua orbita attorno alla stella a una velocità incredibile, impiegando solo 18 ore per un concludere quello che noi consideriamo un anno. 18 ore contro i 365 giorni terrestri, questo la dice lunga anche sull’abitabilità del pianeta, praticamente nulla visto che, come spiegano i ricercatori, la temperatura di superficie sfiora i 2.500 gradi. La sua vera particolarità, comunque, restano i diamanti.

    Dallo studio pubblicato sulla rivista scientifica Astrophysical Journal Letters e condotto da Nikku Madhusudhan del Centro per l’astronomia e l’astrofisica dell’Università di Yale, si evince che 55 Cancri è composto principalmente da carbonio, nella forma di grafite e diamante, piuttosto che acqua e granito. Una morfologia completamente diversa dalla Terra, che comprende anche carburo di silicio, silicati di ferro ed altri silicati. Niente acqua, quindi, ma pare che almeno un terzo del pianeta sia composto esclusivamente da diamanti, il che, come detto, apre la strada a fantasie ardite.