Speciale Natale

10 cose che non vorreste mai sapere sui ragni

10 cose che non vorreste mai sapere sui ragni
da in News, Notizie Curiose
Ultimo aggiornamento: Lunedì 26/09/2016 19:12

    10 cose che non volevate sapere sui ragni

    Gli aracnidi sono tra le specie animali più interessanti e variegate del mondo, ma ci sono indubbiamente 11 cose che non vorreste mai sapere sui ragni: al di là della paura che possono istigare irrazionalmente (quindi vi consigliamo di concentrarvi solo sulle didascalie della nostra approfondita gallery), i ragni sono degli animali estremamente affascinanti, sui quali gli studiosi si accaniscono con indagini e analisi approfondite. Tra le cose che probabilmente non vorreste mai sapere sui ragni, eravate al corrente che le specie di ragni più pericolose al mondo si trovano in Australia, o che esistono persone che considerano questi insetti delle prelibatezze da mangiare? Ecco, sappiamo che state già storcendo il naso e forse lo stomaco ha fatto una capriola, ma vogliamo dirvi tante altre curiosità: ecco le 11 cose che non vorreste mai sapere sui ragni, ma che QNM vi svelerà.

    45 mila specie di ragni

    I ragni sono tra gli insetti del regno animale più variegati: ne esistono oltre 45mila specie, per una biodiversità da lasciare davvero stupiti. A livello di grandezza, i più piccoli raggiungono a malapena il millimetro, mentre la specie più grande di ragni ha zampe di circa trenta centimetri di lunghezza ed è persino in grado di percorrere larghe distanze in brevissimo tempo (vi sentiamo rabbrividire da qui). Per non parlare dei colori: dall’arancio al nero passando per il caleidoscopio, i ragni coprono praticamente quasi tutto l’arcobaleno.

    Il veleno dei ragni

    Come avviene per le mucche, anche i ragni si possono ‘mungere’ per estrarre il prezioso veleno che alcune specie producono: non è il termine esatto, ne conveniamo, ma solo in questo modo si può descrivere il processo che aiuta gli studiosi a recuperare i veleni da cui ricavare sieri e antidoti (e non solo). I ragni vengono sottoposti ad una debole scarica elettrica per far sì che ‘sputino’ il veleno fuori, ma è un sistema complicato e laborioso.

    La ragnatela

    Tra le 11 cose che non vorreste mai sapere sui ragni, c’è anche la resistenza della loro tela, considerata tra i tessuti più forti del mondo: secondo gli studiosi ha una flessibilità incredibile e una resistenza pari all’acciaio inox. Una specie di ragni in particolare è in grado di tessere una tela che è dieci volte più resistente del Kevlar, uno dei materiali più forti del mondo.

    I ragni divorano le prede

    Trattenete la paura e il disgusto irrazionale, ma sappiate che i ragni sono in grado di divorare tranquillamente prede giganti, anche dieci volte più grandi di loro, organizzandosi tra la loro tela (usata come trappola) e gli eventuali veleni che sono in grado di stendere una persona. Inoltre, alcune specie arrivano a sciogliere le loro prede per farne bottino. Ok, è raccapricciante, lo sappiamo anche noi.

    Tarantola

    Tra le specie di ragni più affascinanti e famose ci sono indubbiamente le tarantole, conosciute per la loro velenosità. In realtà sono dei ragni molto placidi e poco aggressivi, ma se stuzzicati sono tra i più pericolosi: sono in grado si sollevarsi sulle zampe posteriori e rilasciare alcuni peli urticanti per allontanare il disturbatore. Per rimuoverli, si può usare lo scotch come… per fare una ceretta.

    I ragni possono uccidere le persone

    Ci dispiace dirlo e sappiamo che è una delle 11 cose che non vorreste mai sapere sui ragni, ma… i ragni possono uccidere le persone, sì. Specie specifiche come il Sydney funnel-web, un ragno che si trova in Australia, o la Vedova Nera, quando attaccano l’uomo con il veleno neurotossico possono causare disturbi gravi o portare addirittura alla morte. Fortunatamente si tratta di poche specie sulle oltre 45mila degli aracnidi, ma è meglio fare attenzione, specialmente in continenti come Oceania e America del Sud.

    Ragnatela sociale

    L’incubo infernale: gigantesche ragnatele multiple, create da vari tipi di ragni che si ‘associano’ in una specie di gigantesco social network reale degli aracnidi. Avviene più spesso di quanto si creda e a quanto pare questo tipo di associazione è un comportamento comune tra i ragni. Meglio evitare di passare tra quei cespugli, che ne pensate?

    I ragni si mangiano

    Ebbene sì: alcune specie di ragni sono considerate delle vere prelibatezze in cucina e si possono mangiare tranquillamente. Come dicono molti studiosi e antropologi, gli insetti possono essere considerati il cibo del futuro: in paesi come la Cambogia, la Thailandia o il Venezuela, i ragni vengono già consumati tranquillamente. Va bene la fame, ma forse un po’ di ritrosia la provate ancora.

    I ragni sono ovunque

    Un vecchio detto sostiene che non si è mai troppo lontani da un ragno, e ha ragione: i ragni sono ovunque e riescono a sopravvivere praticamente in ogni ambiente, tranne che nelle zone polari. A loro bastano tre punti fissi dove costruire la tela, crearsi una casetta e attendere le piccole prede che compongono i loro pasti. Spirito di adattamento: over 9000.

    I ragni femmina mangiano i maschi

    Come le mantidi, alcune femmine di ragno mangiano i maschi dopo il rapporto: considerato che i ragni femmine sono quasi 100 volte più grandi dei maschi, non è difficile capire perché. Altri maschi, invece, si staccano i genitali e li nascondono dentro la femmina per essere sicuri che nessun altro possa fecondarla. A livello riproduttivo, i ragni hanno un’ampia varietà di movimento!

    1364

    Speciale Natale

    PIÙ POPOLARI