Tradimento: scappatella o storia lunga?

Tradimento: scappatella o storia lunga?
da in Rapporti, Tradimento
Ultimo aggiornamento:
    Tradimento: scappatella o storia lunga?

    Si fa presto a dire tradimento. In realtà quando si parla di relazioni extra-coniugali, non sempre si sta parlando della classica toccata e fuga, perché il mondo dei fedifraghi si divide in categorie ben precise: da un lato ci sono quelli che preferiscono alternare varie partner senza impegni di sorta e dall’altro quelli che si impegnano in una vera e propria relazione parallela.

    Quale siano i reali gusti degli italiani in fatto di scappatella è oggetto di una ricerca effettuata dal portale IncontriExtraconiugali, specializzato proprio in incontri tra persone alla ricerca di un/una partner non ufficiale. I risultati in questo senso sono molto chiari: il 47% degli italiani preferisce i rapporti occasionali con partner che cambiano di volta in volta.

    Secondo lo staff del sito “in questi casi l’avventura infedele è evidentemente determinata dalla voglia di fuga dalla routine del talamo coniugale dal piacere della conquista e da motivazioni esclusivamente passionali che portano a rinnovare spesso la ricerca di amanti”.

    La motivazione principale dietro la scelta del tradimento senza fissa dimora è abbastanza evidente: rinchiudersi in un altro rapporto fisso al di fuori della coppia ufficiale espone non solo a maggiori rischi di essere scoperti, ma anche a quelle dinamiche di routine dalle quali si cerca di scappare con un’amante.

    Comunque se questa sembra essere la tendenza più diffusa c’è sempre un 34% che preferisce alla scappatella occasionale l’amante fisso/a con la quale intraprendere una relazione clandestina parallela a quella ufficiale. In questo caso quel che si cerca è piuttosto “rassicurazione e comprensione, e in generale i delusi dal loro rapporto matrimoniale si rifugiano al di fuori dal focolare nuziale alla ricerca di ciò che non trovano nell’ambito domestico, con poco o nullo interesse per l’emozione determinata dalla clandestinità in sé e per sé”.

    Tra i due estremi esiste infine un 19% che non predilige l’una o l’altra opzione e anzi non ha problemi nell’alternare l’amante fissa a quella occasionale.

    Si tratta in questo caso di persone che tradiscono non per soddisfare una precisa esigenza psicologica, ma perché amano godersi la vita e non condividono l’etica secondo la quale il tradimento sarebbe cosa moralmente scorretta. Voi cosa preferite?

    Foto da ~~Tone~~

    403

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN RapportiTradimento Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/07/2015 17:56
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI