Speciale Natale

Tantra, cos’è e come sfruttarlo a letto

Tantra, cos’è e come sfruttarlo a letto
da in Rapporti, Sessualità
Ultimo aggiornamento:
    Tantra, cos’è e come sfruttarlo a letto

    Reso celebre da una dichiarazione del cantante Sting anni or sono, il sesso tantrico è diventato ricettacolo di leggende e falsi miti duri a morire, che hanno solo alimentato confusione ed ignoranza intorno a questa dottrina filosofica, nata in India intorno al 400 a.C. e che ha trovato nel campo della sessualità effettivamente uno dei terreni su cui sviluppare la maturazione dell’individuo e la conoscenza di sé, che è poi il vero fine di tale dottrina. Nelle righe seguenti proviamo a capire meglio che cos’è il tantra e come sfruttarlo a letto, una serie di tecniche e insegnamenti che miglioreranno noi stessi liberandoci dalle ansie legate alla sfera dell’intimità.

    Spesso il sesso tantrico viene confuso erroneamente con il Kamasutra, facendo torto ad una filosofia che insegna a non avere ansia dell’orgasmo, della performance, istruendo invece le persone a godere pienamente dell’erotismo in tutte le sue sfaccettature, partendo dai suoni e dai respiri, prima di arrivare ai movimenti. Essendo una pratica mentale prima ancora che fisica, il sesso tantrico è consigliato per quelle coppie che hanno una connessione spirituale profonda, in cui l’ansia da prestazione non sconvolge la quotidianità del ménage amoroso: prima ancora di toccare il partner, i due amanti devono meditare insieme, e per quanto la cosa può sembrare buffa e farci sorridere, serve a creare la giusta connessione della mente e del cuore.

    Dopo aver creato anche la giusta atmosfera con cuscini, incenso, fiori ad adornare la camera da letto, un vero e proprio tempio dell’amore, la coppia può sperimentare le posizioni del sesso tantrico, in cui la donna è il soggetto attivo che dona la sua ‘energia fredda’ all’uomo che la trasforma in ‘energia calda’: non si tratta di semplici posizioni per raggiungere l’orgasmo, ma una beatitudine che accresce l’energia vitale di entrambi. Esistono libri appositi che insegnano le migliori tecniche tantriche: citiamo alcune delle più note, come la posizione classica in cui la donna si siede sulle cosce del partner, incrociando le gambe dietro la sua schiena e tenendolo avvinghiato mentre lo guarda intensamente negli occhi.

    Altre posizioni del sesso tantrico sono quello con la donna sdraiata con l’uomo che sorregge le sue gambe sulla pianta del piede, tenendole dritte e perpendicolari al corpo, o ancora quella dove entrambi i partner sono inginocchiati, con l’uomo alle spalle della donna che spinge da dietro, in modo che i due corpi siano schiacciati l’uno contro l’altro in modo ermetico: una volta iniziata la penetrazione, la donna deve fare di movimenti circolari con i fianchi, con pause regolari. Per imparare il sesso tantrico bisogna conoscere innanzitutto il proprio corpo, respirare con il diaframma, comprendere dove sia localizzata l’area perineale, per stimolare il piacere solo con i muscoli pelvici: siete pronti ad esplorare questo meraviglioso universo?

    524

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN RapportiSessualità

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI