10 cose che non sai sul tuo pene

La nostra parte del corpo preferita presenta una serie di caratteristiche e peculiarità che molti maschi ignorano: e allora vale la pena scoprire le cose che non sai sul tuo pene, curiosità e info che riguardano l'organo sessuale e il suo funzionamento

da , il

    10 cose che non sai sul tuo pene

    Quante sono le cose che non sai sul tuo pene? Davvero tante amico lettore, che nemmeno puoi immaginare. Nonostante sia il tuo migliore amico e compagno di giochi sin dai tempi dell’adolescenza, anche il pene hai suoi segreti, e noi siamo qui pronti a svelarli: eccoti allora almeno 10 cose che non sai sul tuo pene, info e curiosità che riguardano le caratteristiche e il meccanismo di funzionamento dell’organo sessuale e riproduttivo maschile. Sei pronto a scoprirle? Non ti resta che proseguire nella lettura.

    Il pene può assumere diverse forme

    C’è chi ce l’ha un po’ storto, con la convergenza a sinistra, a destra, oppure a banana, ma il pene può assumere forme diverse anche durante l’atto sessuale: in alcune posizioni classiche come ad esempio il missionario, si trasforma come un boomerang, arcuandosi verso l’alto.

    Le dimensioni del pene possono variare

    Lo sappiamo che almeno una volta hai preso un righello e te lo sei misurato, ma non devi crucciarti: le dimensioni del pene possono variare anche sensibilmente, in media a riposo è di 9,13 centimetri, mentre in erezione è di 13,12 centimetri. Ovviamente c’è anche chi è sotto questa media, mentre uno su mille arriva a 22 centimetri. Il pene più lungo mai misurato? 34,2 centimetri, praticamente quanto una bottiglia da 1,5 litri di acqua. L’importante è usarlo: se non si fa sesso, tende ad accorciarsi, anche di 1-2 centimetri, nel corso del tempo.

    Quanto cresce il pene durante l’erezione?

    Gli scienziati distinguono tra due tipologie di organo maschile riguardo la crescita durante l’erezione del pene e le differenze rispetto a quando è in stato di quiete: il pene ‘shower’ è abbastanza lungo in quiete ma cresce poco, e riguarda solo il 20 per cento della popolazione maschile. Il restante 80 ha un pene ‘grower’, ossia piccolo a riposo e maggiormente crescente durante l’eccitazione.

    Quanto dura l’orgasmo maschile?

    6 secondi: tanto dura l’orgasmo maschile, contro i 23 della contropartita femminile. La vagina batte il pene per manifesta superiorità, o quanto meno è come paragonare una maratoneta ad un velocista sui 200 metri: non c’è gara sulla lunga distanza. Scopri qui se eiaculare tutti i giorni fa bene o no.

    Le erezioni notturne sono frequenti

    Il pene offre il meglio di sé durante la fase REM del sonno: gli uomini sperimentano tra le 3 e le 5 erezioni spontanee nel corso della notte, e i maschi più giovani possono avere anche delle polluzioni incontrollate.

    La circoncisione del pene migliora l’igiene

    In molte parti del mondo è diffusa la circoncisione del pene per motivi religiosi, sia nel mondo musulmano che in quello ebraico, ma pochi sanno che questa pratica, che consiste nella rimozione chirurgica del prepuzio dall’organo in modo da lasciare scoperto il glande, favorisce una maggiore igiene e pertanto viene assai praticata soprattutto negli Usa, mentre è più rara rara in Europa, in America Latina e in buona parte dell’Asia.

    L’eiaculazione precoce raramente è patologica

    Si definisce eiaculazione precoce quella che avviene solitamente entro uno o al massimo due minuti dalla penetrazione, suscitando sensazioni di disagio e ansia nell’uomo. Attenzione però a non classificare ogni rapporto veloce come eiaculazione precoce e a curarla come una patologia, poiché raramente deriva da disfunzione fisiche e non sempre coincide con una breve durata: uno studio internazionale dimostra come un rapporto sessuale, preliminari compresi, dura in media da 1 a 10 minuti.

    Scopri qui le cause, i sintomi e i rimedi dell’eiaculazione precoce.

    La frattura del pene non è una leggenda

    Talvolta sulle pagine di cronaca di qualche oscuro giornale o sito web ci si imbatte in storie di uomini ricoverati in ospedale a cui viene riscontrata la frattura del pene: verità o leggenda? In realtà può accadere davvero, dovuta ad un’improvvisa e innaturale flessione durante l’amplesso, che comporta la rottura della tunica albuginea, la membrana che ricopre i corpi cavernosi e che si assottiglia durante l’erezione.

    Praticare l’autofellatio? 1 su 400 ce la fa

    Se quella di Gabriele D’Annunzio che si fece asportare due costole per praticarlo è una leggenda popolare priva di alcun riscontro, ma che continua a tramandarsi nei licei di generazione in generazione, l’autofellatio non è affatto un mito, come testimonia d’altronde anche il film Shortbus: secondo determinati studi, 1 maschio su 400 è così flessibile e snodato da riuscirci. Ammesso che la cosa sia di tuo gusto, puoi cominciare ad allenarti!

    Lo sperma maschile contiene calorie

    L’emissione di liquido spermatico durante l’eiaculazione significa davvero svuotarsi di energia: infatti è stato calcolato che il seme contenuto ad esempio in un cucchiaino da tè equivale a 7 calorie. Pensa a quanto sperma rilasci dopo aver fatto l’amore, secondo una stima approssimativa sarebbe circa settemila volte a testa per ogni uomo, e fai un rapido calcolo.