Sesso tantrico, cos’è, come funziona e quali posizioni scegliere

Diventato mediaticamente celebre grazie alle dichiarazioni di alcuni personaggi famosi, il sesso tantrico utilizza le conoscenze spirituali del tantra per raggiungere maggiori soddisfazioni nell'intimità imparando a ritardare il momento dell'orgasmo. Le posizioni sessuali tantriche da scegliere per favorire l'armonia di coppia

da , il

    Sesso tantrico, cos’è, come funziona e quali posizioni scegliere

    Il sesso tantrico è diventato negli ultimi anni uno degli argomenti più chiacchierati in fatto di relazioni amorose, complici alcune dichiarazioni di personaggi famosi sull’argomento. Ma non a tutti è chiaro cos’è e come funziona e quali sono le posizioni da scegliere. Benché il tantra sia molto di più che un miglioramento degli amplessi di coppia, l’idea di come usarlo sotto le lenzuola è diventato l’ambito di maggior successo di questa dottrina filosofica e spirituale, che dunque è molto differente ad esempio dal Kamasutra, che invece è un testo filosofico sempre indiano ma specificamente attinente alla pratica amorosa.

    Cos’è il sesso tantrico

    Il tantra è una pratica nata in India intorno al 400 a.C., il suo scopo era raggiungere una maggiore conoscenza di sé e dell’altro: il sesso tantrico è una delle sue manifestazioni più potenti, giacché la sessualità viene considerata da questa filosofia come un metodo di unione spirituale per accedere all’essenza della natura di una persona.

    Il sesso tantrico è l’unione di energia maschile ed energia femminile perfettamente fuse insieme, in uno stato di superiore armonia che tanto ha affascinato la cultura e la civiltà occidentale assetata di esoterismo e affini. Già, ma come funziona il sesso tantrico? Vediamo in dettaglio in cosa consiste.

    Come funziona il sesso tantrico

    Il sesso tantrico si può schematicamente suddividere in quattro fasi, che permettono appunto di raggiungere questo stato superiore di armonia e consapevolezza di sé in coppia. Innanzitutto bisogna partire da se stessi, imparare ad ascoltare il proprio corpo, le sensazioni che il corpo produce quando viene stimolato in ogni forma di contatto, e allo stesso tempo liberando la mente da costrizioni, inibizioni, limiti e rigidità.

    La seconda fase del sesso tantrico ha a che fare con il movimento e il ritmo: in buona sostanza bisogna imparare a muoversi all’unisono, insieme al proprio partner, e in questo modo si riesce a sbloccare l’energia che giunge dal livello del bacino.

    Molto importante è la terza fase che riguarda il respiro, che deve essere lento e di ampio raggio invece che breve ed affannoso, perché attraverso di esso secondo la filosofia tantrica si fa circolare l’energia: sincronizzando con la propria partner il respiro, che deve essere morbido e rilassato, l’energia fluisce negli organi genitali, in questo modo ritmo, movimenti e respirazioni sincronizzati, permettono all’energia sessuale di scorrere in maniera potente mediante gli organi genitali opportunamente lubrificati, stabilendo così il massimo contatto e la sintonia.

    Ed arriviamo così alla quarta e ultima fase, riguardo il ritardo dell’orgasmo e in particolare dell’eiaculazione per l’uomo, prolungando la durata del coito e sperimentando sensazioni più profonde e piacevoli.

    Non è necessaria un’erezione costante, basta che il pene rimanga nella vagina per almeno 35 minuti, affinché le onde cerebrali dei due amanti siano sintonizzate raggiungendo la massima estasi ed armonia.

    Le posizioni sessuali tantriche da scegliere

    Ci sono posizioni sessuali che favoriscono maggiormente questa unione spirituale dei sensi attraverso il sesso tantrico: la più famosa è la cosiddetta posizione del fiore di loto, con i due amanti a gambe incrociate uno di fronte all’altro, in modo che i due amanti possano guardarsi negli occhi mentre le gambe della donna restano avvinghiate dietro la schiena di lui.

    Questa posizione presenta poi le sue varianti nel modo in cui si posizionano le gambe e il bacino per l’angolo di penetrazione, ed anche l’ausilio di una sedia permette di sperimentare pose più ardite, con la donna che può mettere le gambe sopra le spalle del partner seduto, oppure quella in cui lei si accovaccia sopra l’uomo poggiando i piedi sul bordo della sedia stessa.

    In generale comunque le posizioni sessuali tantriche vedono sempre i due amanti abbracciati e posti l’uno di fronte all’altro, in modo che l’energia sessuale possa fluire attraverso i movimenti del bacino come precedentemente spiegato, al fine di raggiungere il massimo piacere di coppia e uno stato di benessere e di armonia spirituale incomparabile.