Sesso anale, 7 cose da fare e non fare

Come fare sesso anale in tutta sicurezza, seguendo i consigli e i suggerimenti degli esperti che spiegano cosa fare e cosa non fare per praticare al meglio questo tipo di amplesso

da , il

    sesso anale

    Essendo una pratica eterodossa, collegata ad una parte del corpo associata alla sporcizia e alla vergogna, il sesso anale rappresenta allo stesso tempo un desiderio recondito e un tabù per molte coppie. Il sesso anale può rappresentare, se ben fatto, una piacevole variante ai soliti amplessi, sia per le donne ma anche per gli uomini, poiché la stimolazione della prostata è molto piacevole. Ma entrambi i partner debbano superare stereotipi e pregiudizi su questo tema, ecco perché vi sveliamo consigli e suggerimenti degli esperti sulle cose da fare e da non fare nel sesso anale, le giuste precauzioni, la preparazioni e le modalità per effettuare al meglio questa pratica sessuale, con reciproca soddisfazione.

    Preparazione mentale

    lato b

    Come abbiamo detto il sesso anale è legato a parecchi tabù e inibizioni mentali, quindi bisogna prepararsi mentalmente. Per convincere la partner a farlo da dietro non si deve essere troppo pressanti: la paura del dolore può essere più forte del possibile piacere, e bisogna sgomberare le preoccupazioni. L’erotismo inizia sempre dal cervello.

    Lubrificazione

    sedere

    La preparazione fisica è altrettanto importante di quella mentale: non essendo una parte del corpo dotata di umori propri come la vagina, è necessario abbondare la lubrificazione, ungendo non solo l’ano, ma anche le dita, il membro ricoperto dal preservativo o il sex toy. Consigliato prima della penetrazione dedicarsi all’analingus o alle carezze, preliminari eccitanti che aiutano alla giusta predisposizione.

    Precauzioni

    precauzioni

    Prendere precauzioni è fondamentale: tra le cose da fare assolutamente nel sesso anale vi è l’utilizzo del preservativo, anche se si è una coppia rodata e fedele, giacché il retto è una parte del corpo dove si annidano numerosi batteri, senza dimenticare che è molto più facile trasmettere malattie come l’Aids con questa pratica.

    Posizione

    posizioni sesso anale

    Bisogna trovare una posizione comoda per fare sesso anale in tutta tranquillità: evitate di sperimentare posizioni troppo complicate, soprattutto se siete novizi, e fate in modo che il corpo di chi riceve la penetrazione sia completamente rilassato, onde evitare ferite e lacerazioni dovute a irrigidimento.

    Variazioni

    coppia amore

    Quando si decide di fare sesso anale sono sconsigliate variazioni, ossia passare ciò che si è introdotto precedentemente nel retto alla vagina oppure alla bocca, senza primo averlo lavato. Anche se è ben poco romantico, è consigliabile fare anche un clistere prima di iniziare per ripulire meglio l’intestino.

    Come stimolare

    stimolazione

    Per praticare un buon sesso anale bisogna stimolare la zona in maniera adeguata: per quanto riguarda le donne, pur rientrando in una delle tipologie di orgasmo possibili, soltanto una minoranza dichiara di provare un piacere esclusivamente per quella via: meglio stimolare contemporaneamente anche il clitoride, per avere sensazioni sia vaginali che interne alla zona rettale e perianale. Gli uomini invece non abbiano timore di dubitare della propria eterosessualità, poiché la penetrazione rettale è il modo più efficace per stimolare la prostata, zona altamente erogena: anche qui si può accompagnare il rapporto anale con la masturbazione per amplificare il piacere.

    Foto di Bryan Benneman

    Ritmo

    ritmo rapporto anale

    Una volta completata la penetrazione, la parte più difficile, non bisogna lasciarsi andare ai propri istinti selvaggi come in un film a luci rosse: poiché non siete ‘allenati’, ricordate che nel sesso anale ci vuole sempre lentezza e gradualità nel ritmo, la spinta deve essere più morbida e dolce. Il consiglio finale è anche di prendersi tutto il tempo, anche parecchie settimane di prova, prima di completare un rapporto anale, per capire se si è davvero pronti ad inoltrarsi in pratiche del genere.