Dieta dell’autoerotismo, come dimagrire con piacere

Dieta dell’autoerotismo, come dimagrire con piacere
da in Rapporti, Sessualità
    Dieta dell’autoerotismo, come dimagrire con piacere

    Da che mondo è mondo, l’umanità è alla ricerca di un metodo facile e piacevole per perdere i chili di troppo e mantenersi in forma. Fino ad oggi le uniche possibilità per chi voleva dimagrire si riducevano all’astinenza dal cibo (magari sottoforma di una dieta creativa) oppure all’iscrizione forzata in palestra. Verdura senza condimento e sudore sul tapis roulant hanno però le ore contate, perché dal Giappone sta per arrivare la soluzione a tutti i problemi di ciccia: la dieta dell’autoerotismo. Con buona pace del prete di paese che vi ha sempre ammonito sui rischi di cecità legati a questa pratica.

    Potrebbe sembrare il classico scherzo virale su Internet, e invece il metodo dell’autoerotismo come strumento di dieta è frutto di una ricerca seria, per quanto possa essere serio qualcosa che viene dal Giappone, Paese delle stranezze per eccellenza. Quando si tratta poi di fatti strani legati al sesso, non c’è nessuno al mondo che batta i giapponesi, e non stupisce quindi che la mente dietro la dieta autoerotica sia il professor Hideo Yamanaka, direttore della rinomata Toranomon-Hibiya Clinic. Con un guizzo di fantasia, il dottore ha chiamato la sua nuova idea “Onani-bics“, evidente omaggio a Onan, da cui deriva il termine “onanismo“.

    Ma in cosa consiste, nello specifico, la dieta dell’autoerotismo? L’ipotesi alla base della teoria è molto semplice: secondo Yamanaka il processo di eiaculazione è in grado di attivare il metabolismo di base dei muscoli, che a loro volta sono in grado di bruciare calorie. Effetto di una sana seduta manuale è la riduzione del grasso sottocutaneo.

    Ovvero più o meno la stessa cosa che altri studi scientifici stabiliscono per il rapporto sessuale completo; insomma, l’amore fa dimagrire, che si tratti di amore con un partner o da soli. Nel caso specifico dell’onanismo bisogna fare, però, una precisazione: limitarsi a un lavoretto una tantum non porterà a nessun risultato ai fini della dieta.

    Il dottor Yamanaka è stato fin da subito molto chiaro su questo punto: come in tutte le diete, anche per questa il requisito fondamentale è la costanza, che si traduce in almeno 100 sedute al mese, che fa una media di 3 volte al giorno. Altro dettaglio non da poco è dedicato a quanti soffrono di eiaculazione precoce, perché costoro non riusciranno ad ottenere i risultati sperati. Per raggiungere il giusto livello di sforzo fisico è necessario che la sessione autoerotica duri almeno 15 minuti, una sorta di tour de force onanistico in grado di sfiancare chiunque. Chi si illudeva di perdere peso grazie alla propria ossessione per i siti a luci rosse dovrà dunque ricredersi. Ci vuole costanza anche in queste cose.

    460

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN RapportiSessualità
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI