Come riprendersi da una separazione: consigli per tornare a vivere

da , il

    Come riprendersi da una separazione: consigli per tornare a vivere

    La separazione rappresenta uno dei momenti più duri che un uomo possa trovarsi ad affrontare. Che si tratti di una pausa di riflessione più o meno lunga o di una rottura definitiva le difficoltà da superare sono molte e all’apparenza insormontabili. A maggior ragione se di mezzo c’è un divorzio con tutto quel che ne consegue anche a livello giuridico ed economico. Ritornare a vivere dopo una seprazione è un percorso lungo e non privo di ostacoli, ma anche un imperativo per non cedere alle pulsioni autodistruttive dell’animo. Come riprendersi da una sperazione? Vediamo quali sono alcuni consigli degli esperti.

    - Elaborare il lutto: tutti gli psicologi sono concordi nel considerare la separazione dalla partner come un momento molto simile al lutto. Certo, quella che fino a qualche giorno fa era l’altra metà del vostro cielo è ancora viva e vegeta, ma a tutti gli effetti a livello mentale è come aver perso definitivamente un pezzo della propria esistenza. Per superare questa fase ci vuole tempo, ma è anche importante cominciare a riconoscere che è finita e che, in fin dei conti, la vita prosegue e bisogna affrontarla in un modo o nell’altro.

    - Non reprimere i sentimenti: la cosa peggiore che un uomo possa fare dopo una rottura è tenere tutto dentro per evitare di sembrare debole agli occhi degli altri. La separazione è un evento estremamente doloroso e come tale va affrontato. Fate affidamento sulla vostra famiglia e sugli amici (o su un esperto) più stretti, cercando di tirare fuori la sofferenza ed elaborare le motivazioni della separazione. Piangere non vi renderà meno uomini ma vi aiuterà a superare la prima fase del percorso: riconoscere che c’è un problema.

    - Chiudere i rapporti con la ex: spesso nei primi tempi dopo una separazione si sente l’impulso di tenere vivi i cordoni che uniscono a quella che per molto tempo è stata la partner ma che ora è un’estranea con cui avete condiviso parte della vostra esistenza. Si tratta solo di un modo per prolungare l’agonia perché, se il rapporto era tanto logoro da portare alla decisione di una separazione, pare molto difficile che possa essere ricomposto. Chiudere i conti con il passato è un passo fondamentale per cominciare a progettare il proprio futuro.

    - Fare un esame di coscienza: quando avviene una separazione, la colpa è quasi sempre di entrambi i poli della coppia. Assumere la posizione mentale della vittima è inutile e anzi controproducente, perché serve solo ad evitare di fare i conti con le proprie responsabilità. Se non si comprende il proprio ruolo nella separazione non si sarà neanche pronti ad affrontare di nuovo la vita, perché il fallimento roderà come un tarlo nella vostra coscienza.

    - Prendersi il proprio tempo: molti hanno la tendenza a gettarsi a capofitto nella vita da single dopo una separazione. Soprattutto quando si esce da un lungo rapporto, è necessario invece prendersi un po’ di tempo per se stessi, non cercando nelle altre donne un surrogato della ex. Riprendere la propria vita sociale è importante, ma quando si inizia una relazione subito dopo la fine di una storia importante è quasi sempre sinonimo di poca voglia di fare i conti con se stessi. Un periodo di solitudine non potrà che fare bene.