NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Atlante mondiale del sesso: italiani soddisfatti a letto ma poco felici

Atlante mondiale del sesso: italiani soddisfatti a letto ma poco felici
da in Rapporti, Sessualità
Ultimo aggiornamento:
    Atlante mondiale del sesso: italiani soddisfatti a letto ma poco felici

    Una mappa mondiale di tutto ciò che riguarda l’argomento ‘sessualità’, un documento ricco di statistiche e fatti più o meno noti: tutto questo e molto di più è l’Atlas mondial des sexualités, ovvero l’Atlante mondiale del sesso. Uno studio frutto della fatica di due ricercatori francesi, Nadine Cattan e Stéphane Leroy, che a differenza di quanto si possa pensare è serio, molto serio. Lo scopo, citato nel sottotitolo del libro, è esplorare “libertà, piaceri e divieti” collegati al mondo della sessualità, dando il giusto spazio anche a tematiche spesso tabù come la contraccezione, il materiale a luci rosse e la prostituzione. Il tutto in rigoroso stile scientifico con tanto di statistiche, grafici e mappe geografiche. Come ne escondo gli italiani? Bene ma non troppo. Soddisfatti a letto ma non proprio felici in coppia.

    Il sangue caliente dei popoli del Sud, almeno dal punto di vista del numero e dell’intensità dei rapporti, non riguarda da vicino noi italiani, visto che, dei 13 mila rapporti sessuali consumati ogni secondo nel mondo, sono i greci a detenerne la fetta più importante in Europa. Dalle parti di Atene la media dei rapporti sessuali per mese è pari a 11,5, cifra che consente ai greci di piazzarsi al primo posto nel Vecchio Continente. Gli italiani devono accontentarsi di un discreto 8,8 al mese, al pari dei cugini spagnoli ma anche di belgi e slovacchi. Mal comune mezzo gaudio? In questo caso sì, visto che veniamo nettamente staccati da quasi tutti gli altri popoli europei, persino i britannici in barba al detto ‘niente sesso siamo inglesi’.

    Nella classifica del numero di rapporti, prima di noi si piazzano croati (11,2 rapporti al mese), serbi e montenegrini (10,7), bulgari (10,6), francesi e cechi (10), britannici (9,8), olandesi e polacchi (9.6), islandesi (9,1), portoghesi (9). L’unica magra soddisfazione è aver messo dietro i vicini di casa svizzeri e tedeschi (8,7), per non parlare delle gelide popolazioni nordiche, che si dimostrano tanto civili quanto poco passionali: finlandesi (8,5), norvegesi e danesi (8,2), irlandesi (8,1), svedesi (7,7). Per tutti i Paesi, l’attività sessuale più intensa si concentra nella popolazione che rientra nella fascia d’età dai 35 ai 44 anni (112 volte all’anno di media). L’atlante non è solo una fonte inesauribile di numeri e statistiche, ma anche di curiosità sulle abitudini sessuali nel mondo e sulla loro evoluzione nel tempo e nello spazio.

    Qualche esempio? Il 70% dei norvegesi ha avuto almeno un’avventura da una notte e via, a fronte del 28% degli italiani. Non solo, perché spesso curiosi sono anche i luoghi in cui si consuma il rapporto: se si esclude il classico letto, il 50% ha fatto almeno una volta l’amore in macchina, il 7% sui mezzi pubblici e il 2% addirittura in aereo. In casa gli spazi preferiti dalle coppie passionali sono il bagno (39%) e la camera da letto dei genitori (36%), mentre fuori casa con il 31% dominano i parchi pubblici, seguiti dalla spiaggia (28%) o semplicemente la strada (14%). Infine, nota di merito per quelli che si dedicano all’amore negli spazi professionali, come quel 15% che fa sesso al lavoro (preferibilmente con una collega) e il 10% che invece si dedica alla passione tra i banchi di scuola. Chiudiamo con l’Italia: detto del numero di rapporti al mese, c’è da sottolineare che oltre l’80% degli italiani si dice soddisfatto delle proprie esperienze sessuali, ma solo il 40% del campione nostrano ammette di essere felice in coppia. Forse per questo siamo la capitale mondiale del tradimento!

    584

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN RapportiSessualità
    PIÙ POPOLARI